Archivi per il mese di: dicembre, 2012

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2012 per questo blog.

Ecco un estratto:

600 people reached the top of Mt. Everest in 2012. This blog got about 15.500 views in 2012. If every person who reached the top of Mt. Everest viewed this blog, it would have taken 9 years to get that many views.

KNOWLEDGE-GRAPH

Il nuovo algoritmo, che arriva finalmente anche in Italia, al momento elabora (solo) 18 miliardi di informazioni-relazioni, su oltre 570 milioni di oggetti e rintraccia i contenuti RILEVANTI.

Il senso è questo: utilizziamo ogni giorno Google per scoprire e capire delle cose…e allora perchè, grazie al nuovogoogleintelligente, non possiamo approfondire la nostra ricerca e quindi conoscenza?

Ovviamente, essendo un motore basato su un algoritmo, zio Google non capisce assolutamente niente di ciò che ti sta mostrando…ma ti fornisce informazioni basate sulle domande più frequenti degli utenti.

Ci toccherà avere a che fare con nuovi geni che oltre a Wikipedia..nelle loro fonti del sapere citano Google 😦

Diffida della falsa conoscenza, è molto peggiore dell’ignoranza.  (cit. George Bernard Shaw)

E per i Seo..Che cosa succederà alle Serp??

Vi consiglio di guardare la demo per capire come funziona

Interessante articolo di  PATRICK ALTOFT su Branded3

B3 Seminar: The Latest Advanced SEO & Link Strategies – Patrick Altoft from Branded3

Anche se non aggiorno spesso il blog ultimamente, sono attenta ai commenti e alle statistiche.
Sempre più persone sono interessate a un “motore di ricerca senza filtri”.
Tempo fa avevo scritto un piccolissimo post sull’argomento che ancora oggi mi porta tantissime visite al blog.
Perchè gli utenti si sentono sempre più intrappolati dal filter bubble e vorrebbero leggere una SERP senza vincoli?

La papera DuckDuckGo era una buona alternativa, ma quanti di noi cambierebbero la pagina principale da Google ad una quasi sconosciuta? Io personalmente non l’ ho fatto e non ho intenzione di farlo.

Resta il fatto che considero sempre meno, e unseonondovrebbemaidirlo, i risultati organici di Google.

Una volta ho spiegato come, secondo me, il pay per click avesse un impatto positivo sul posizionamento organico … e oggi bing fa una campagna contro Google Shopping perchè i risultati non sono pertinenti ma influenzati dagli annunci a pagamento.

Oltre al filter bubble…dobbiamo considerare anche un filter money