Archivi per la categoria: web reputation

C’era una volta, qualche anno fa, un professore di marketing e comunicazione che ripeteva a lezione “aggiornate i profili!!!!”

E nonostante sia passato un pò di tempo…credetemi è il modo migliore per spazzare il web! Non c’è reputation defender che tenga all’aggiornamento spontaneo dei profili professionali e social!

Giusto per la cronaca. Vi ricordate il poblemino in serp con Imma Pinto? Beh stamattina ho controllato: Badoo prima di Linkedin?!!!

Ma guardate adesso!

E allora aggiornate i profili!!!

Imma Pinto
Annunci

Di tanto in tanto scrivo il mio nome su Google..per vedere se le prime pagine sono sempre una mia esclusiva..ma stamattina digito Imma Pinto e ho trovato questo (con il browser explorer)

Imma Pinto nella serp di GoogleMa chi c…o sei?!!!!

Io non sono iscritta a Badoo..ma leggere 35 anni, Napoli…potrebbe trarre in inganno (ho 34 anni e sono di Napoli).

Ora dico… Imma Pinto non è il mio vero nome, Imma è il diminutivo..e guarda caso questa donna meravigliosa e stupenda 😦  che vuole cantare sotto la pioggia con un ragazzo 35-40 (da vomito) deve andare a inquinare proprio la mia Serp!!!

Carissima Imma Pinto di Badoo…ti tiro via dalle prime pagine…perchè mi hai fatto davvero inc….re!!

Parola di Imma Pinto la SEO 🙂

Dietro ai racconti sui forum e articoli sui giornali anti Google si cela un misterioso cliente che paga fior di dollari per creare una campagna di “bad reputation” nei  confronti di Google.

E chi sarà mai… Apple?  Microsoft? No è stato Facebook!!

Un portavoce di Facebook la notte scorsa ha confermato che Facebook ha assunto Burson-Marsteller per due motivi prinicipali:

  1. perchè Google sta lavorando su un social networking senza tutelare la privacy
  2. perché Facebook risente del fatto che Google tenta di utilizzare i dati di Facebook per il proprio Google Social

Lo scontro tra Google e Facebook rappresenta una delle più grandi battaglie  nell’era di Internet.

Ma cosa si nasconde dietro? Forse lottano per il predominio sulla pubblicità online?

Google non riuscirà mai a vincere Facebook sul versante social, questo è certo. Ma dopo questa figuraccia Facebook sembra aver paura, di non sentirsi poi così invincibile come sembra.

E se, invece,  fosse una granda campagna di “web popularity” di zio Google a discapito di Facebook in previsione del suo social?

Per altri dettagli sulla guerra dei colossi leggi qui

Sempre più spesso sento parlare dei cosiddetti “spazzini del web” e qualche tempo fa ho approfondito l’argomento perchè strettamente collegato con il SEO. Negli USA è diventata ormai una moda per i VIP  (vi ricordate Kate Moss?)

Ciò che forse non è evidente dai case history che leggiamo di pulizia del web è che in realtà non si tratta di una vera e propria pulizia, ma più di una spazzata sommaria…qualcosa del tipo “nascondere la polvere sotto il tappeto”…ma alla fine la polvere è sempre lì.

In pratica uno spazzino del web, attraverso la costruzione di blog, siti e profili social cerca di ripulire le prime pagine delle serp da notizie fastidiose per il cliente. Niente di più facile…no?

Un intervento interessante sulla Web Reputation è stato quello di Andrea Scarpetta al convegno GT 2010 con la sua interessante proposta di link building che ho personalmente testato.

Vi consiglio di dare un’occhiata alle slide

 

Le strategie da intraprendere in questi casi sono molteplici e, soprattutto, è fondamentale capire la quantità delle notizie diffamatorie e la qualità.

Se si tratta di diffamazione  bisogna intervenire  con una strategia veloce e aggressiva:

  • ripagare con la stessa moneta chi ci ha diffamato
  • intercettare tutti i canali nei quali si è parlato di noi e intervenire direttamente
  • lavorare su blog, siti, social network offrendo un’immagine positiva dell’azienda
  • dedicare una o più risorse alla lavorazione che dovrà essere costante nel tempo

Ma se non si tratta di diffamazione? Cosa succede se la notizia che non vogliamo far apparire in serp è presente su un sito come La Repubblica? E se ne avesse parlato una trasmissione famosa in tv come Striscia La notizia?

In quel caso la lavorazione standard degli spazzini del web non basta..

Io credo che in questo caso la strategia da adottare sia quella del “mea culpa” e cercare di voltare pagina..altrimenti si rischia di fare la fine di Aiazzone!
(Non metto alcun link per Aiazzone, ma provate a digitare il nome di questa grande azienda su Google)

Imma Pinto